Medicamenti

Medicamenti

Da anni la Sorveglianza dei prezzi si occupa di medicinali rimborsati dalle casse malati, ambito in cui ha tra l’altro la facoltà di emanare raccomandazioni dato che, per legge, i prezzi di questi medicinali sono fissati dall’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). In caso di revisioni di leggi od ordinanze, verifica inoltre che le nuove disposizioni siano formulate a favore degli assicurati. Sempre all’UFSP sono poi rivolte le raccomandazioni trasmesse in via diretta e finalizzate a mettere in luce i potenziali di miglioramento. La Sorveglianza dei prezzi pubblica infine rapporti, redatti internamente, nei quali illustra le notevoli differenze di prezzo (ancora) esistenti rispetto all’estero e avanza proposte per correggere la situazione.

Introduzione di un sistema di prezzi di riferimento («sistema dell’importo fisso»)

Considerato che, dai confronti periodici effettuati rispetto all’estero emerge, per esempio, che in Svizzera i generici costano in media più del doppio, la Sorveglianza dei prezzi si sta adoperando affinché venga introdotto un sistema di prezzi di riferimento, nell’ambito del quale per i medicinali contenenti lo stesso principio attivo gli assicuratori malattia rimborsano solo un importo fisso (prezzo di riferimento). Nel caso in cui un paziente desideri acquistare un farmaco più caro senza che sussistano motivi di ordine medico dovrà pagare la differenza rispetto al prezzo di riferimento.

Verifica periodica dei prezzi dei medicinali

Quando un medicinale viene incluso nell’elenco dei farmaci a carico delle casse malati e in occasione delle verifiche effettuate ogni anno su un terzo di tutti questi farmaci, sono realizzati due confronti: uno con i prezzi applicati all’estero (CPE), nel quale vengono presi come riferimento nove Paesi europei, e un confronto terapeutico trasversale (CTT), ossia un raffronto con farmaci simili già autorizzati in Svizzera. In entrambi i confronti sono state riscontrate diverse lacune: partendo dal principio della convenienza dei costi sancito nella LAMal, la Sorveglianza dei prezzi ritiene che il nuovo prezzo dovrebbe corrispondere al valore più basso e non, come fatto oggi, alla media dei valori calcolati dai due confronti (CPE e CTT). Va tra l’altro sottolineato che il confronto terapeutico trasversale si basa su prezzi ormai datati (e quindi con un tasso di cambio più elevato) anziché sui più attuali possibili. Quanto al confronto con i prezzi applicati all’estero, i parametri di riferimento sono in alcuni casi dei cosiddetti «prezzi in vetrina» perché, diversamente da quanto avviene in Svizzera, negli altri Paesi sono possibili degli accordi dietro le quinte che si traducono in ribassi sui prezzi di listino ufficiali. Una revisione annuale dei prezzi di tutti i farmaci comporterebbe inoltre rapidi risparmi a beneficio degli assicurati.

Altre richieste importanti della Sorveglianza dei prezzi

Già nel mese di giugno 2010 la Sorveglianza dei prezzi aveva raccomandato all’UFSP di correggere il margine di distribuzione. A suo avviso era necessario risparmiare sui costi e ridurre gli incentivi sbagliati che rischiano di favorire la vendita di farmaci più cari. In base al principio di territorialità, non vanno rimborsati i farmaci comprati all’estero (a meno che non si tratti di una situazione di emergenza). La Sorveglianza dei prezzi si sta però adoperando affinché l’assicurazione di base conceda questo rimborso nel caso in cui il farmaco sia stato prescritto dal medico, sia incluso (se non il farmaco stesso, uno con lo stesso principio attivo) nell’elenco delle specialità (ossia l’elenco di tutti i farmaci a carico delle casse malati) e sia meno caro all’estero che in Svizzera. I pazienti che si preoccupano di far risparmiare l’assicurazione di base andrebbero infatti incoraggiati. Attualmente soltanto le ditte farmaceutiche hanno la facoltà di opporsi a una decisione dell’UFSP. Per questa ragione la Sorveglianza dei prezzi si sta impegnando affinché anche gli assicuratori malattia e le organizzazioni dei pazienti abbiano il diritto di presentare proposte e ricorsi.

Molte delle richieste menzionate sopra sono all’esame nel quadro dei pacchetti di misure per il contenimento dei costi 1 e 2.

Ulteriori informazioni

Studi

Studi

Auslandpreisvergleich von Generika und patentabgelaufenen Originalmedikamenten: Weiterhin stark überhöhte Schweizer Preise (PDF, 953 kB, 02.11.2017)Geplante Kostendämpfungsmassnahmen sind konsequent umzusetzen und zusätzliche an die Hand zu nehmen

Prezzi svizzeri dei generici e dei farmaci originali con brevetto scaduto (PDF, 343 kB, 27.10.2016)chiaramente eccessivi rispetto all’estero - Provvedimenti normativi urgenti

SL-Logistikmarge (PDF, 375 kB, 23.07.2008)Probleme und Reformansätze im SD-Markt

Medikamentenpreise und Medikamentenmarkt in der Schweiz (PDF, 1 MB, 15.10.2007)Eine Marktanalyse und Reformvorschläge zu administrierten Preisen von Josef Hunkeler, Mitarbeiter der Eidgenössischen Preisüberwachung

Medikamentenpreise – Die Korrekturrunde 2006 (PDF, 74 kB, 24.07.2007)Die Bedeutung der Vereinbarung vom 12.9.2005 zwischen dem BAG und der Pharmaindustrie

Preissenkungsaktion BAG (PDF, 52 kB, 08.09.2006)Preissenkungsaktion BAG per 1.9.2006 – Zwischenbilanz

Medikamente - Durchschnittswerte sind Glückssache (PDF, 49 kB, 08.09.2006)Diskussionspapier zu den statistischen Grundlagen des Auslandpreisvergleichs

Prix administrés et médicaments (PDF, 27 kB, 25.07.2006)Propositions de mesures sur les prix dans le domaine des médicaments pris en charge par les assurances-maladie (liste des spécialités - LS)

Studie Arzneimittelpreiskontrolle (PDF, 219 kB, 26.07.2006)SL-Preise seit der Einführung des neuen KVG – Wie weiter ?
Die Relevanz der Arzneimittelpreiskontrolle

Wettbewerbsmängel bei Medikamentenpreisgestaltung (PDF, 50 kB, 26.07.2006)Wettbewerbsmängel bei der Preisgestaltung der Medikamente in der Schweiz
Studie der Preisüberwachung z. H. der Kartellkommission

Raccomandazioni

https://www.preisueberwacher.admin.ch/content/pue/it/home/temi/sanita/medicamenti.html